Gulpiyuri beach

 

playa-de-gulpiyuri

Gulpiyuri Beach è una delle straordinarie bellezze del mondo, la sua particolarità è dovuta al fatto che non si trova vicino al mare, bensì nell’entroterra, in mezzo ad un verdissimo prato.
Questa curiosa Playa è collocata nella regione spagnola delle Asturie, che oltre ad essere insolita e unica al mondo per via della sua posizione in mezzo ad una verde radura, è anche bellissima: sabbia dorata e acqua di mare cristallina che confluisce costantemente verso la spiaggia attraverso dei tunnel sotterranei naturali.
Dichiarata Monumento Naturale è possibile godere di questo angolo meraviglioso soprattutto durante la settimana, quando è meno affollata dai turisti e curiosi.

 

 

 

Miami: “Harmonic Convergence” per artisti e viaggiatori

Arte Miami

L’Aeroporto Internazionale di Miami ospita il lavoro sensazionale dell’artista e architetto del suono Christopher Janney tramite un’installazione fondata su colore, luci e suoni: “Harmonic Convergence” (2007)  il suo nome.

Vi siete mai accorti di questa installazione transitando per Miami? Se passate da qui non perdetevela: 72 lastre colorate trasparenti, accostate alle vetrate del corridoio, che comprendono 150 colori diversi che garantiscono un graduale cambiamento cromatico, accompagnato da una serie di suoni.
Grazie infatti alla disposizione di altoparlanti posizionati ad intervalli regolari è stato possibile ricreare un ambiente-sonoro che si attiva e varia al passaggio delle persone!
Le melodie ripropongono il suono di uccelli tropicali, tuoni in lontananza, e altri sonori tipici degli ambienti naturali della zona, creando così una sorta di “ritratto sonoro” del sud della Florida.

Vien voglia di fermarcisi un po’, in questo spazio sospeso.

 

Nota: Nel 1997 Janney vide realizzata la sua prima sensazionale istallazione presso il Miami International Airport: “Harmonic Runway”, che consisteva in un ambiente interattivo di suoni e colori, composto da 132 fogli di vetro colorato con accompagnamento sonoro, innescato dal movimento di passaggio dei viaggiatori. Il grande lavoro è stato purtroppo rimosso nel 2001 per ragioni di sicurezza.

 

Giappone: Cerimonia del Tè

 

Il tè è un’opera d’arte, e solo la mano di un maestro può renderne manifeste le qualità più nobili.

Okakura Kakuzō, Il libro del tè, 1906

cerimonia del tè, giappone
Cha No Yu (茶の湯), meglio conosciuta come Cerimonia del Tè, viene anche chiamata Chado o Sado (茶道 = Via del Tè) ed è una delle tradizionali arti zen più conosciute. E’ un culto estetico di perfezionamento spirituale e costituisce la quintessenza della cultura giapponese.
Si tratta di un momento in cui ogni cosa è vagliata accuratamente: la scelta degli ospiti, di una delicata composizione floreale, delle più belle ciotole e, naturalmente, del tè migliore, realizzato con i migliori strumenti, e degli ingredienti (tè e acqua) più raffinati.La Cerimonia del Tè deve rispondere a quattro principi fondamentali: armonia, rispetto, purezza e serenità.
Secondo tali principi, la bellezza è sinonimo di semplicità e naturalezza, e il visitatore resta spesso sorpreso per l’utilizzo di materiali poveri e di locali spogli e disadorni.

Il tè tradizionale giapponese è un tè verde, classificato in base al periodo di raccolta. Le foglie migliori sono utilizzate nella Cerimonia con il nome di matcha, polverizzate e mescolate con dell’acqua calda grazie ad un particolare frullino di bambù.
Un’espressione frequente nelle Cerimonie del Tè è ichigo ichie, ovvero “ogni incontro è un fatto unico nella vita “.
Un momento irripetibile da non perdere.

Oggi, si può assistere e partecipare a dimostrazioni di Cha No Yu in alcuni hotel e naturalmente nelle più importanti scuole.