Sri Lanka e Maldive: dall’isola delle spezie al paradiso

Lo Sri Lanka e le Maldive sono le fantastiche mete di questa grande avventura tra natura, cultura, visite a suggestivi templi esotici, relax, sole e mare da sogno.

sri lanka

Lo Sri Lanka, conosciuto anche come Ceylon, è una miscela di seduzione tropicale e di misticismo. Il Buddha la considerava il regno della bellezza, della serenità, della pace.

Senza dubbio la perla dell’Oceano indiano è un paese magico: antiche fortezze aggrappate in cima a dirupi scoscesi, città sacre, monumenti nascosti da una giungla impenetrabile, templi e santuari incastonati in scenari lussureggianti, splendidi palazzi, cortei assorti di monaci buddisti avvolti in vesti giallo-ocra, donne in Sari variopinti che passeggiano costeggiando i cespugli del tè sulle colline, profumi di spezie e fior di loto, elefanti in libertà che attraversano indisturbati le risaie e poi Lui: l’Oceano, che circonda centinaia di chilometri di spiagge di sabbia bianca accarezzate dalle palme.

IL VIAGGIO

Appena arrivati in Sri Lanka scoprirete subito il sorriso della gente del posto, un popolo ricco di storia, cultura e tradizioni millenarie.
La prima tappa sarà la visita di Anuradhapura, prima capitale dello Sri Lanka, la più grande e la più importante tra le antiche città dell’isola. Proseguirete poi verso la seconda capitale dell’antico Sri Lanka: Polonnaruwa. Da qui arriverete poi a Sigiriya, in cima ad una rocca alta circa 200 metri, l’antica fortezza rocciosa inespugnabile.

Il vostro straordinario viaggio proseguirà fino a Dambulla, conosciuta soprattutto per il tempio rupestre posto su una rupe alta circa 100 metri e formata da 5 santuari dentro a 5 caverne…davvero suggestivo.
E poi ancora Matale dove visiterete il famoso giardino delle spezie, dal quale lo Sri Lanka ha preso l’appellativo di “Isola delle spezie”.
Fino ad arrivare all’ultima delle 3 capitali del Paese: Kandy, dove visiterete il Tempio del Dente di Buddha, simbolo supremo del buddismo, tappa di molti pellegrinaggi.
Infine andrete a vedere i giardini botanici e le piantagioni di thè, raggiungendo anche Pinnawela, dove visiterete “l’orfanotrofio degli elefanti”.

Il vostro viaggio terminerà a Colombo, l’attuale capitale, dove visiterete il Pettah, il bazar della città; il Forte, cuore della città, sede della guarnigione olandese prima ed inglese poi; i Templi Hindu e Buddisti; la Piazza dell’Indipendenza e tanto altro ancora. Una vera e propria città ricca di cultura e storia.
E poi pronti per raggiungere il paradiso delle Maldive: un’oasi di vero benessere tra sole, mare, relax, albe e tramonti emozionanti, per una settimana indimenticabile, giusto finale di questo viaggio emozionante!

maldive2

DA NON PERDERE

- Arrivati in Sri Lanka, ad Anuradhapura ecco il Sacro Albero del Bo, il più vecchio e storico albero del mondo, e il luogo più venerato in città: è figlio dell’albero sotto cui il Buddha raggiunse l’illuminazione.

- A Polonnaruwa scoprirete il Palazzo Reale, il Gal Viharaya con le 3 statue di Buddha e il cosiddetto quadrilatero sacro.

- Dambulla e Matale: due tappe imperdibili dove visiterete il tempio rupestre formato da cinque santuari dentro a cinque caverne con splendide sculture e affreschi buddisti, per poi proseguire verso il giardino delle spezie, per un mix perfetto di natura e cultura.

- Il Tempio di Kandy: visiterete diversi templi, siti storici e religiosi, ricchi di fascino, caratteristici di questa cultura, arrivando anche al famoso Tempio del Dente di Buddha di Kandy, che è davvero il simbolo supremo del buddismo, meta di molti pellegrinaggi. Dopo aver visitato Kandy, durante il vostro tour, dedicherete un po’ di tempo anche al giardino botanico di Peradeniya, famoso sia per un’incredibile serra con 5.000 orchidee, sia per la grande varietà di piante unica al mondo tra specie di alberi e fiori di ogni forma e colore.

CURIOSITA’

Nello Sri Lanka vivono circa 3000 elefanti in libertà, oltre al grande numero di quelli addomesticati. A Pinnawela, dove visiterete “l’orfanotrofio degli elefanti”, potrete assistere al momento di “poppata degli elefantini” o al loro divertente bagno nel fiume Maha Oya. Ogni anno a marzo viene organizzata anche una corsa a tappe con gli elefanti, tra foreste, villaggi e strade sterrate.