Cuba e la grande Revolución

Un viaggio imperdibile per ogni viaggiatore, in un luogo unico al mondo dove si è fatta la storia. In questa terra bellissima la rivoluzione riecheggia ancora, un mare cristallino ne abbraccia i paesaggi incontaminati, mentre le città coloniali raccontano al viaggiatore nel tempo la loro passato tormentato

che guevara

IL VIAGGIO

L’Avana, Viñales e la regione di Pinar del Rio

Avrete l’occasione di visitare l’Habana Vieja e alcuni dei luoghi legati alla Revolución: il Museo della Rivoluzione, il Castello del Morro, con il panoramico ufficio di Che Guevara, il Centro Studi Guevara, la casa natale (attualmente museo) del comandante Camilo Cienfuegos, la mitica Plaza de la Revolucion, dove si trovano i due grandi profili murali stilizzati di Che Guevara e di Camilo Cienfuegos, oltre al museo-monumento dedicato all’eroe nazionale e poeta-scrittore Josè Martì.

Dopo la capitale, in cui dormirete in una casa particular, con un auto a noleggio vi dirigerete verso Pinar del Rio per visitare la Cueva del Che.

che1

Playa Giron, Santa Clara e Trinidad

Dopo aver visitato la Baia dei Porci e la Comandacia de Fidel arriverete a Cienfuegos e potrete passeggiare nell’incantevole centro storico, Patrimonio Mondiale dell’Umanità dal 2005. In seguito vi aspetta Santa Clara, la città del Che. Qui visiterete il mausoleo dove riposano le sue spoglie e il monumento del Treno Blindato.

Infine arriverete a Trinidad, la perla dell’isola. Questa incredibile cittadina coloniale vi lascerà completamente a bocca aperta. Godrete di una vista mozzafiato dalla torre del Museo Historico Municipal e la sera trascorrerete una serata rilassante alla famosa Casa de la Trova. Da Trinidad si può andare a Topes de Collantes per un bagno rigenerante.

che3

Sancti Spiritus, Camaguey Sierra Maestra, Santiago

Sancti Spiritus è uno dei più antichi insediamenti e dopo averlo visitato ci si dirige verso Camaguey, la cittadina più antica di Cuba e per questo motivo diventata Patrimonio mondiale dell’Unesco. Viaggerete poi lungo la costa fino al Parque Nacional Desembarco del Granma e Cabo Cruz, luogo mitico della Rivoluzione. Proseguendo incontrerete Playa Las Coloradas, il luogo di inizio della Rivoluzione, dove il 2 dicembre 1956 sbarcarono gli 82 castristi a bordo del traghetto Granma. Dopo un’emozionante escursione nella Sierra Maestra vi dirigerete verso Santiago de Cuba per volare poi verso il meraviglioso mar dei Caraibi.

che4

DA NON PERDERE

Tren Blindado: la mossa vincente

Il monumento del Tren Blindado sorge su una piccola collina verde appena fuori dal centro della città. Un luogo sonnolento e tranquillo eppure qui si è decisa la Battaglia di Santa Clara. Il piccolo escavatore giallo che vedrete accanto ai vagoni è l’elemento decisivo di questa battaglia: il Che decise con furbizia di utilizzarlo per fare deragliare il treno dei miliziani.

Baia dei Porci: nel cuore della guerra fredda

Playa Giron ospita dei veri e propri panorami da cartolina, spiagge bianchissime, palme che degradano dolcemente su un mare paradisiaco. Eppure in questo luogo incantevole nel 1960 ci fu un aspro combattimento dopo che gli Usa tentarono un’invasione dell’isola, respinta dalla truppe rivoluzionarie di Fidel Castro.

La Sierra Maestra: dove tutto ha avuto inizio

Dormirete a 20 metri dall’ingresso del Parque Natural della Sierra Maestra in un complesso di 20 bungalow nei pressi del Rio Yara, uno splendido fiume, sotto uno splendido cielo stellato in mezzo alle valli. La mattina a bordo di un 4×4 arriverete nel primo accampamento dei ribelli e qui avrete un’occasione unica: visiterete il vecchio ambulatorio dove Che Guevara operò come dentista.

Sigari, rum, spiagge senza fine, foreste pluviali ed un libro speciale vi accompagneranno lungo questo itinerario. Lasciatevi trasportare dal ritmo della salsa, lasciate che lo splendido popolo cubano vi racconti il suo passato e le contraddizioni del suo presente: scoprirete una Cuba insolita, meno turistica, più vera.

che5